Facebook   Twitter   YouTube Channel
 

Praga: Monastero Di Strahov

Praga- Monastero Di Strahov Strahovské nádvorí 1/132

Il monastero di Strahov è il secondo monastero più antico di praga, esso si trova in una meravigliosa posizione collinare tra Hradcany e Petrin. Fu fondato all'inizio del XII secolo da Vladislav II che lo dedicò all'ordine dei premostratensi.

Il suo attuale aspetto barocco risale, però, alla seconda metà del XVII secolo e al XVIII secolo.

Nelle prossimità si trovano la chiesa dell'Assunzione della Vergine Maria, la Pinacoteca di Strahov, la Biblioteca di Strahov (che conserva numerosi manoscritti medievali), la Sala Teologica barocca e la Sala Filosofica classicista (ornate di stucchi ed affreschi). Nel monastero sono conservate le spoglie mortali di san Norbert, il fondatore dell'ordine premonstrato.

All'entrata del monastero troviamo un arco del 1742 sovrastato da una statua di San Norberto, da qui si accede al primo cortile dove troviamo, a sinistra, la chiesa di S. Rocco e a destra la Sala Filosofica. Al centro della piazzetta si erige una colonna dietro la quale si scorge la Chiesa di S. Maria. Il monastero fu chiuso dal regime comunista che imprigionò anche molti monaci per essere poi restituito all'ordine nel 1991, da allora molti mmonaci sono tornati a viverci.

Il monastero è contornato da un grande giardino che offre un magnifico panorama di entrambe le rive della Moldava.



Orari e Prezzi

Dal martedi alla domenica, ore 9-17



Come arrivare

Stazione della metro: Hradcanska
Tram: nr. 22, 23


Visita anche

Isola di Kampa

Isola di Kampa

L'isola di Kampa è il posto ideale per passeggiate romantiche nel verde dei giardini. Lungo il percorso si possono ancora...continua »
Piazza della città vecchia

Piazza della città vecchia

La piazza dell Città Vecchia ( Staromestské namestí ) è il cuore pulsante di praga. Essa è uno dei...continua »
Collina di Petrín

Collina di Petrín

La collina di Petrín è un vasto parco pubblico che durante gli anni ha inglobato gli orti e i giardini privati che la...continua »