Facebook   Twitter   YouTube Channel
 

Vienna: Hofburg

Vienna- Hofburg Michaelerkuppel

L'Hofburg di Vienna, il palazzo imperiale, è stato per molto tempo la residenza e il centro del potere degli Asburgo, che vi dimorarono a partire dagli albori del regno d’Austria nel XIII secolo fino alla fine dell’Impero Austro-Ungarico nel 1918. Nell'Hofburg sono state accumulate ricchezze di inestimabile valore e sono stati decisi i destini dell'Europa.

La residenza  è  formata da 18 edifici , che contano circa 2500 stanze, oltre a varie piazze, cortili e giardini, costruiti e rimaneggiati a partire dal 1298 fino alla vigilia del Prima Guerra Mondiale, anni in cui fu completata la Neue Burg (ala nuova). L’intero complesso si estende su una superficie di circa 240.000 mq. e non si può dire abbia uno stile architettonico unitario né una pianta ben definita poiché ogni imperatore ha voluto lasciare un segno del suo passaggio aggiungendo un'ala, arricchendo le collezioni d'arte o abbellendo i palazzi già esistenti. Dominanti sono, tuttavia,  lo stile barocco e il neoclassico.

La parte barocca dell’Hofburg, la cui costruzione iniziò nel Settecento per volere dell’Imperatore Carlo VI, è opera dell’architetto di corte Johann Bernhard Fischer von Erlach, e di suo figlio Johann Emanuel Fischer von Erlach. Tuttavia alla morte di von Erlach padre parte dei lavori furono affidati anche ad un altro architetto, Lukas von Hildebrandt, al quale spettò la progettazione e parziale realizzazione dell ‘Ala della cancelleria imperiale (Reichskanzleitrak). I locali di questo palazzo ospitarono dapprima gli uffici del Sacro Romano Impero, poi, dopo la sua caduta, nel 1806, gli appartamenti imperiali.

Sui portali campeggiano le sculture di Lorenzo Mattielli, raffiguranti le fatiche di Ercole. La parte  centrale è occupata dal  portale imperiale che conduce a gli appartamenti degli Asburgo. Il tetto è sovrastato dallo scudo dell’imperatore Carlo VI, su cui è impressa l’aquila bicipite, simbolo degli Asburgo, che regge il "Bindenschild" (scudo fasciato austriaco), ed è sormontato dalla corona imperiale.

La Alte Burg è il nucleo più antico del castello ed originariamente era una fortezza a quattro torri. La facciata attuale, in stile rinascimentale, fu modificata nel corso del XVI secolo; nello stesso periodo  fu costruito ad opera di Pietro Ferabosco  anche il portone di accesso , sempre nello stesso stile, lo Schweizertor (Portale degli Svizzeri),. Quest’ala del palazzo è chiamata infatti anche Schweizertrakt (Ala svizzera) poiché a partire dal ‘700 vi prestavano servizio le guardie svizzere. Qui si trovano le insegne del Sacro Romano Impero e dell’Impero d’Austria, che fanno parte del Tesoro Sacro e Profano.

La Cappella di Corte, la Burgkapelle,  fu costruita nel 1449 ed è, ancora oggi sede del  coro dei Piccoli cantori di Vienna.

Amalienburg è un edificio autonomo che sorge di fronte allo Schweizertrakt e fu  costruito nel 1575 per il figlio del Kaiser Miksa, Rudolf. Si tratta di una costruzione  di pianta irregolare, dalla facciata  in stile rinascimentale; la sua parte centrale è occupata da una stupenda torre dell’orologio in stile barocco. Il  nome del palazzo deriva dall’all’imperatrice Guglielmina Amalia, che vi abitò dopo  la morte del marito, l’imperatore Giuseppe I. Successivamente anche l’Imperatrice Sissi  volle abitare qui e i suoi  appartamenti sono oggi aperti al pubblico.

Leopoldinischer Trakt (ala Leopoldiana)  è un edificio di forma allungata anch’esso in stile barocco, costruito nel ‘600 per volontà dell’imperatore Leopoldo, che intendeva in questo modo creare un collegamento tra lo Schweizertrakt  e l’ Amalienburg . Nel secolo successivo l’ala fu abitata dall’imperatrice Maria Teresa; dopo la sua morte gli sfarzosi saloni ebbero funzione di rappresentanza; dalla  fine della seconda guerra mondiale qui hanno sede gli uffici del Presidente della Repubblica Austriaca.

L'ala che affaccia sulla Michaelerplatz è in stile tardo barocco e si chiama Michaelertrakt. La sua particolarità risiede nella cupola alta 50 metri che  sormonta l’edificio,  progettata dal famoso architetto barocco Josef von Erlach. Fu realizzata alla fine dell’Ottocento da Ferdinand Kirschner, , dopo che fu abbattuto l’antico Burgtheater.

Nel 1559 iniziò la costruzione della Stallburg, che doveva essere una  nuova residenza.Tuttavia già a partire dal  Settecento nell’l’edificio hanno sede  le stalle dei celebri cavalli di Lipizza, che si esibiscono negli spettacoli della Scuola Spagnola di Equitazione.

Neue Hofburg è la parte nuova del complesso. Costruita in stile rinascimentale e classico  all'epoca della decadenza degli Asburgo, a fine ottocento,  oggi è sede della sala lettura della Biblioteca Nazionale e di diversi musei. La Biblioteca Nazionale, in stile barocco,  fu costruita verso la metà del Settecento come biblioteca di corte e dispone di una delle più belle sale da biblioteca al mondo, Prunksaal .

All’ Hofburg, anche  gli scantinati riservano delle sorprese: infatti nei  tre piani interrati che anticamente fungevano da cantine di Corte oggi sono conservati modelli di gesso e plastici di monumenti e fontane che abbelliscono la Ringstrasse.

Nel 1735 Fischer von Erlach figlio completò il Maneggio d’inverno, nel quale da allora si tengono le esibizioni della Scuola spagnola di equitazione. Nelle immediate adiacenze furono costruite le Redoutensäle (Sale della ridotta), sale per  ricevimenti trasformate  oggi in un centro congressi.

Successivamente, all’inizio dell’Ottocento,  fu costruito da Ludwig Montoyer un altro e più grandioso salone delle cerimonie, lo Zeremoniensaal, che  ancora oggi  ospita gli elegantissimi e noti  balli viennesi.

Sono parte integrante dell’Hofburg la grande piazza Heldenplatz e i due parchi Burggarten e Volksgarten.

Oggi all’Hofburg è possibile visitare vari musei, gli appartamenti imperiali di Francesco Giuseppe e di sua moglie Elisabetta, la camera del tesoro degli Asburgo (Schatzkammer), la Biblioteca Nazionale, la celebre scuola di equitazione spagnola (Spanische Hofreitschule) e la sede dell'attuale Presidente della Repubblica d'Austria.

in particolare i Kaiserappartements  (gli appartamenti imperiali) sono molto interessanti, perché mostrano uno spaccato della vita di corte. Sono composti dal salone delle udienze, la sala delle conferenze, gli appartamenti privati di Francesco Giuseppe e di Sissi, nonché la sua palestra privata ed il bagno, che scandalizzò l'opinione pubblica dell'epoca per la frequenza con la quale l'imperatrice si immergeva nella vasca (una volta al giorno).

Molto bella è la sala da pranzo con la tavola imbandita che è realmente quella su cui pranzava la famiglia imperiale.

Dopo la visita agli appartamenti imperiali si può accedere alla Silberkammer, il museo dell'argenteria e dei gioielli di corte.



Orari e Prezzi

Settembre - Giugno: 9.00 - 17.30
Luglio - Agosto: 9.00 - 18.00

Biglietto: 9.90 €



Come arrivare

Metro: U3 - Herrengasse
Tram: 1, 2, D, J - Burgring
Bus: : 2A, 3A - Hofburg


Visita anche

Parliament

Parliament

Il Parlamento di Vienna si trova lungo la Ringstraße , il viale voluto dall'imperatore Francesco Giuseppe e che racchiude...continua »
Kohlmarkt

Kohlmarkt

Kohlmarkt, una delle più antiche strade di Vienna e zona dove un tempo si teneva il mercato della legna e del carbone,...continua »
La casa della musica

La casa della musica

Vienna è famosa nel mondo come la città dei musicisti. La capitale austriaca, durante il XVIII e il XIX secolo,...continua »