Facebook   Twitter   YouTube Channel
 

Praga: Introduzione

I primi insediamenti umani nella zona di Praga sono antichissimi: già a partire dal IV millennio a.C. si hanno notizie di tribù di cacciatori stabilitesi in questi luoghi, finchè, nel VI sec. D. C., con l’arrivo degli sloveni, la città cominciò a prendere forma, parallelamente alla creazione dello stato sloveno dei Premislydi. Il “bing bang”avvenne nella seconda metà del IX secolo, quando il principe  Bořivoj si insediò sullo sperone roccioso di Hradčany, dove costruì l’originaria fortezza, in seguito ampliata fino alla completa rifondazione e al consistente arricchimento operato da Carlo IV intorno alla metà del Trecento. Analoga vicenda  seguì l’adiacente Chiesa di S. Vito, sede vescovile già prima del Mille. Parallelamente al castello tutt’attorno si sviluppò il borgo di Hradčany, abitato prevalentemente dai cortigiani.

Praga divenne così un importante centro commerciale e mercantile e il costante aumento della popolazione fece sì che nel corso del XIII secolo fu necessario fondare  il quartiere di Mala Strana sulla riva della Moldava opposta rispetto all’antica Stare Mesto, che nello stesso periodo fu dotata di una poderosa cinta di mura fortificate.

Estintasi nel 1306 la dinastia Premislyde, il trono boemo passa alla dinastia dei Lussemburgo, il cui maggior esponente è Carlo IV(1346 -1378): la sua politica espansionistica e la sua volontà di rafforzare l’autorità imperiale aprono la strada ad un periodo di grande prosperità in Boemia, soprattutto da un punto di vista commerciale, facendo della nuova capitale Praga un nodo vitale per le comunicazioni europee. Notevolissimi furono i contributi dell’imperatore all’abbellimento ed all’accrescimento del prestigio della città: nel 1348 fondò l’università che ancora oggi porta il suo nome, una delle più antiche e rinomate d’Europa; il ponte Carlo, che sostituì l’antico ponte Judita collegando Stare Mesto a Mala Strana, con la sua grandiosità è uno dei simboli di quella che viene definita “l’epoca d’oro” della Boemia e di Praga.

Alla morte di Carlo il paese visse una grande crisi religiosa e sociale, legata alla figura del professore di teologia Jan Hus: deciso oppositore della gerarchia ecclesiastica, trovò seguaci principalmente presso i contadini ed i ceti  più umili, fino alla scomunica e alla morte sul rogo. Il suo martirio e la messa al bando degli Ussiti provocarono in Boemia una serie si sollevazioni popolari, che nel 1419, con la prima defenestrazione di Praga, si trasformò in una vera e propria guerra allorchè Sigismondo, re di Germania e figlio di Carlo, ottenne la corona di Boemia.

 Fu grazie alle segrete trattative intrattenute dai mercanti praghesi con l’Austria che gli Asburgo ascesero al trono boemo nel 1526. Dal 1583 Praga divenne il centro di riferimento dell’imperatore Rodolfo II, che ne mantenne lo status di capitale riportandola agli antichi splendori. Ma le continue ribellioni ed i moti indipendentisti che continuavano ad agitare la regione provocarono le feroci ritorsioni degli Asburgo: dopo la Battaglia di Bila Hora nel 1620 per Praga cominciò  un periodo di declino culturale, politico e sociale che culminò con il trasferimento della corte imperiale a Vienna.
Tuttavia già a partire dagli ultimi anni del 1600, ed in particolare dopo il grande incendio del 1689, i praghesi cominciarono a rialzare la testa ed a riprendere l’arricchimento e l’espansione della citta: risale a questo periodo la nascita ed il perfezionamento di quello stile architettonico molto particolare che è il barocco praghese.

A partire dalla fine del XVIII secolo iniziò per Praga un processo di riorganizzazione amministrativa ed architettonica che ha portato la città ad assumere l’aspetto che conserva attualmente. Sullo sfondo una serie di vicende storiche  turbolente: su tutte la cd. Primavera di Praga, il movimento riformista stroncato nell’agosto del 1968 dall’ingresso in città dei carri armati del Patto di Varsavia.

Divenuta capitale della Cecoslovacchia nel 1918, Praga diviene capitale della repubblica Ceca nel 1993, dopo lo sfaldamento del regime sovietico.

Informazioni utili

Nome
Praga
Superficie
496 kmq
Popolazione
1.215.000
Ora Locale
GMT/UTC +1
Lingua
Ceco
Valuta
Corona ceca
Religione
in maggioranza cattolica
Corrente elettrica
220 volt 50Hz
Documenti
Cittadini della Comunità Europea: Carta d'identità;
Cittadini Extracomunitari: Passaporto